Most Popular


Design badkamers of sauna kopen en eigen wellness creëren
Ben je toe aan wat extra luxe in je badkamer? Als je je badkamer op wilt knappen of deze volledig ... ...





L'alcol uccide più della droga e del fumo

Rated: , 0 Comments
Total hits: 3
Posted on: 10/22/18
Un'indagine choc condotta dall'Osservatorio permanente Eurispes-Enpam mostra che le persone uccise dall'alcol sono maggiori di quelle che mietono fumo e drogaUna ricerca che spaventa, soprattutto perché la sostanza psicotropica in questione è alla portata di tutti e tutti vi hanno accesso. Sono morte in tutto 435mila persone dal 2008 al 2017 a causa dell'alcol, molte più vittime di quante ne abbiano fatte fumo e droga. Il dato che un po' rassicura è che la maggior parte degli italiani (63,4%) utilizza la sostanza psicotropica per puro piacere, per rilassarsi mentre la restante parte (25,6%) la associa ai problemi e quindi ne fa utilizzo per riuscire in qualche modo a fuggire dalla realtà.L'indagine condotta dall'Osservatorio ha preso come campione studenti, adolescenti e medici cercando di campionarli in maniera diversa in modo da ottenere diversi risultati. Questo perché si è voluto cercare di capire anche come il "bere" stia velocemente cambiando all'interno del nostro paese.Gli italiani non credono che l'alcolismo sia un problema rilevanteQuello che spaventa maggiormente è la concezione che ogni italiano ha del problema dell'alcolismo, ritenendolo un problema poco rilevante. Infatti, comparando i dati del 1984 quando il 66% delle persone capiva la pericolosità della sostanza oggi soltanto il 35,4% la pensa allo stesso modo. Quasi la metà degli intervistati infatti eccede con l'alcol quando inizia a bere, non riuscendo a regolarsi.I medici che sono stati ascoltati per interpretare i dati ritengono che le persone che abusano spesso hanno problemi o sono depresse (il 31,8% dei dottori) mentre la fetta maggiore, ovvero il 39,4% crede che non sia possibile categorizzare chi beve.Secondo invece il 23,5% dei dottori chi beve è socialmente inserito, un po' come chi inizia a fumare durante le pause di lavoro. Solo una minor parte dei medici sostiene che chi beva debba essere considerato sbandato.La maggior parte degli italiani inizia a bere prestissimo, tra gli 11 e i 14 anniOltre il 50% degli italiani ha provato il primo bicchiere prestissimo, infatti il campione ascoltato ha iniziato a bere in un'età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Un dato allarmante, se si considera che l'alcol è accessibile a tutti e spesso chi lo distribuisce non si preoccupa di seguire le regole come dovrebbe controllando l'età del consumatore.Ad allarmare è anche il consumo fuori dai pasti, quindi sorseggiare un bicchiere di vino e una pinta di birra fuori dai pasti è diventato sempre più frequente e nonostante si dica che l'alcol a piccole dosi faccia bene l'Osservatorio lancia comunque un monito importante agli italiani.




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?