Most Popular


Design badkamers of sauna kopen en eigen wellness creëren
Ben je toe aan wat extra luxe in je badkamer? Als je je badkamer op wilt knappen of deze volledig ... ...





"Manifesti inoffensivi": ora i pro life vogliono le scuse della Raggi

Rated: , 0 Comments
Total hits: 1
Posted on: 12/04/18
I manifesti affissi qualche mese fa da ProVita Onlus, quelli recitanti la scritta "Due uomini non fanno una madre #stoputeroinaffitto", sono stati giudicati "non offensivi" dal Giurì dell'Istituto di Autodisciplina pubblicitaria. Questo, almeno, è quanto hanno reso noto i promotori di quella campagna.I giorni successivi alla comparsa dei bandoni si era sollevata una bufera in grado di coinvolgere pure il sindaco Virginia Raggi: la grillina è stata politicamente accusata, in più circostanze, di voler censurare gli attivisti in questione. Tempo fa, la querelle tra queste associazioni e l'esponente del MoVimento 5 Stelle aveva addirittura riguardato dei manifesti su San Giovanni Paolo II. Oggi, invece, le differenze di vedute riguardano il caso di Asia Bibi: le organizzazioni che hanno manifestato sotto il Campidoglio per sensibilizzare le istituzioni italiane su quella vicenda hanno evidenziato come la Raggi non abbia mai risposto a una richiesta finalizzata all'esposizione della foto della donna pakistana.I pro life , sui manifesti citati, incassano il placet della massima Autorità competente in materia, che smentisce così quanti avevano ritenuto offensivo il contenuto dei 6x3. A essere "offensiva" - hanno voluto sottolineare - è la maternità surrogata. Che sarebbe pure una pratica contraria all'ordine pubblico oltre che rappresentativa di una vera e propria violenza operata nei confronti delle donne. Ma a Toni Brandi di ProVita e a Jacopo Coghe di Generazione Famiglia sembra non bastare.I due esponenti domandano le scuse del primo cittadino della Capitale: "Ora Virginia Raggi ci chiesa scusa - hanno dichiarato a stretto giro - e si renda conto che sono lei e le sue trascrizioni a non essere più ammissibili". Nel passaggio appena citato, ci si riferisce a quei casi in cui il Comune di Roma avrebbe avallato la trascrizione di un atto di nascita di un bambino nato all'estero grazie alla pratica dell'utero in affitto.Brandi e Coghe hanno parlato pure di "inquisizione buonista" e di "falsi slogan che inneggiano all'amore", che intenderebbero "privare un bambino della sua mamma o del suo papà".




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?